• Santino Santinelli

La poesia italiana: "Novembre" di Giovanni Pascoli


Giovanni Pascoli è nato nel 1855 a San Mauro di Romagna (San Mauro Pascoli dal 1932) in provincia di Forlì-Cesena. Insieme a Gabriele D'Annunzio è considerato il maggior poeta decadente italiano, a causa delle sue idee pessimiste in cui si evince la scomparsa del positivismo.

Composta nel 1891 e tratta dalla raccolta "Myricae", questa poesia era intitolata originariamente "San Martino", come l'opera di Carducci a cui si ispirò, ma successivamente il poeta la rinominò "Novembre".

Gèmmea l'aria, il sole così chiaro

che tu ricerchi gli albicocchi in fiore, e del prunalbo l'odorino amaro senti nel cuore... Ma secco è il pruno, e le stecchite piante di nere trame segnano il sereno, e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante sembra il terreno. Silenzio, intorno: solo, alle ventate, odi lontano, da giardini ed orti, di foglie un cader fragile. È l'estate fredda, dei morti.

#poesiaitaliana #poesia #Italianpoetry #poetry #Italiano #GiovanniPascoli #Italian

11 visualizzazioni
Italian Skype Lessons Brand
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon