• Santino Santinelli

Strage di Viareggio: Una sentenza storica!


Era la sera del 29 giugno 2009, quando un treno merci tedesco che transitava a tutta velocità nei pressi della stazione ferroviaria di Viareggio deragliò a causa di un problema tecnico, esplodendo e distruggendo alcune abitazioni che si trovavano proprio a ridosso dei binari e nei pressi della stazione della città toscana. Il mezzo, purtroppo, era stracolmo di gas liquido che prese subito fuoco.

In quel terribile incidente persero la vita ben 32 persone, la maggior parte delle quali si trovavano all'interno delle proprie abitazioni.

I superstiti e i familiari delle vittime fondarono un'associazione che da sette anni continua a battersi per ottenere giustizia e per far riconoscere la totale assenza del rispetto delle norme di sicurezza in molti treni merci carichi di materiale pericoloso che sfrecciano a tutta velocità anche nei pressi delle stazioni ferroviarie.

Quel treno merci, infatti, era una vera e propria bomba ad orologeria che avrebbe potuto causare ancora più morti, nonostante le revisioni fatte poco tempo prima in Germania, avessero assicurato le ottime condizioni del mezzo.

Finalmente è arrivata la sentenza dei giudici del tribunale di Lucca, che ha confermato che il sistema di sicurezza non ha funzionato. Questo verdetto ha anche lanciato un monito per tutti coloro che lavorano in questo campo, affinché possano accertarsi che tutte le procedure di sicurezza siano efficienti e vengano seriamente rispettate.

La sentenza non ha risparmiato la testa dei vertici di Ferrovie, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, che sono le aziende italiane che si occupano della gestione dei treni e della rete ferroviaria del nostro paese, nonchè alcuni amministratori di Gatx Rail Germany, azienda proprietaria del treno merci e Gatx Rail Austria, responsabile della manutenzione del mezzo, così come il responsabile dell'officina Jugenthal Waggon di Hannover.

Tra i condannati ci sono anche Mauro Moretti, ex amministratore delegato di RFI e Ferrovie (e attualmente capo di Finmeccanica) e Mauro Elia ex ad di RFI e Ferrovie (attualmente country manager al Tap per l'Italia).

Questa sentenza, quindi, è storica perchè ha riconosciuto la responsabilità dei vertici delle aziende. Inoltre, i giudici hanno fatto luce su un problema molto serio, e troppo spesso ignorato, e cioè che i treni merci e il carico che essi trasportano devono viaggiare in totale sicurezza, affinché questo tipo di incidenti non possano più accadere.

Leggi un articolo interessante a riguardo qui:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/31/strage-di-viareggio-lex-ad-di-ferrovie-mauro-moretti-condannato-7-anni/3354478/

(foto: oggi.it)

#Viareggio #Italia #Italy #cronaca #Italiancrimenews #cronacaitaliana #Trenitalia #Lucca #Toscana

7 visualizzazioni
Italian Skype Lessons Brand
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon