• Santino Santinelli

Il Congiuntivo Imperfetto


Il congiuntivo si usa nelle frasi subordinate o secondarie, che dipendono da una frase principale. Questo tempo verbale, quindi, non può essere usato in una frase autonoma e viene sempre introdotto da "che" o da altre congiunzioni.

Il congiuntivo imperfetto viene usato quando nella frase principale c'è un verbo all'indicativo passato (tutti i passati) o al condizionale presente e passato. Solitamente il congiuntivo imperfetto esprime un'azione contemporanea a quella della frase principale, oppure indica un'azione che accadrà in futuro o comunque successivamente all'azione della frase principale.

In italiano, il congiuntivo imperfetto può essere usato per esprimere un'opinione e viene accompagnato dai seguenti verbi: avere l'impressione, credere, immaginare, pensare, ritenere, supporre, ecc.. Es:

- Credevo che oggi fosse più caldo.

- Non immaginavo che questo posto fosse così bello.

Un'altra situazione in cui si usa il congiuntivo imperfetto, è quando si esprime un sentimento, una speranza, un timore o un desiderio e si usa con i verbi: augurarsi, avere paura, desiderare, dispiacersi, essere felice/contento, sperare, stupirsi, temere, vergognarsi, ecc.. Es:

- mi augurai che tutto andasse bene

-desidererei che piovesse un po' di più.

Questo tempo verbale si può usare anche per esprimere una volontà, un comando, un divieto o un permesso. (Verbi: ordinare, preferire, pretendere, permettere, vietare, colere, ecc.). Es:

- ordinò a tutti che uscissero subito.

- avrei voluto che gli raccontassi tutto.

Si usa anche quando si esprime un dubbio, es:

- non ero sicuro che lei fosse sua moglie

Dopo i verbi impersonali (Verbi: bisogna, conviene, occorre, può darsi, sembra, ecc.) Es:

- sembrava che fosse la scelta migliore da fare.

dopo è + aggettivo/avverbio: è bene che, è difficile che, è giusto che, è importante che, è meglio che, ecc. Es:

- era meglio che lui restasse qui.

Dopo gli aggettivi e i pronomi indefiniti: qualunque, niente, nessuno, qualsiasi, ecc. Es:

- qualsiasi cosa lui facesse, sarebbe andata bene.

dopo gli aggettivi comparativi e i superlativi relativi:

- era più scorbutico di quanto credessi.

dopo le congiunzioni: benché, malgrado, nonostante, quantunque, sebbene, affinché, perché, a patto che, a condizione che, nel caso che, purché, prima che, senza che, a meno che non, ecc. Es:

- sebbene facesse tempo brutto, uscimmo senza ombrello.

- uscimmo prima che venisse a piovere.

ATTENZIONE

Il verbo sapere viene usato al congiuntivo solo nelle frasi negative:

- non sapevo che lei fosse olandese, perché sapevo che era americana.

Fin qui è tutto chiaro... ma ora devi cominciare a metterlo in pratica!

Non sai come? contattami: italianskypelesons1@gmail.com

Per dubbi o chiarimenti visita la pagina di Italian Skype Lessons o scrivimi privatamente.

#italiangrammar #grammaticaitaliana #grammatica #grammar #congiuntivo #Italiano #Italian #italianlanguage #language

Italian Skype Lessons Brand
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon